Eventi,  Natale

13 Dicembre: Santa Lucia, una Santa e una tradizione da far conoscere ai più giovani

È la Santa protretrice degli occhi, la si festeggia il 13 dicembre che, secondo la tradizione, pare essere anche il giorno più corto dell’anno, anche se di fatto, astronomicamente, non è cosi.

Santa Lucia fu una martire cristiana dell’inizio del IV secolo. Più conosciuta all’epoca come Lucia di Siracusa, infatti in Sicilia è un giorno molto sentito. Un giorno festeggiato con doni e dolciumi per i bambini

Era, pare, tra l’altro, protettrice delle donne nubili. Le ragazze in cerca dio marito, are in quel giorno, andavano a più messe rendevano pubblica la volontà di trovare marito.

Ricordo la mia nonna, sicula, catanese per la precisione, raccontava diverse piccole tradizioni e, in questo giorno, non mancava mai di cucinare la minestra di ceci. Una tradizione che in famiglia, un pò per caso, portiamo avanti ancora oggi.
A Siracusa – raccontava – ad esempio si festeggia due volte, il 13 e il 20 dicembre.

Raccontava, anche, che per i bimbi, per lei da bambina era una sorte di doppio santa Claus. I bimbi lasciavano il arance, cioccolato e i biscotti la sera prima di andare a dormire e la mattina seguente, al risveglio, trovavano i doni: solitamente si trattava di pupazzi per bimbe e bimbi fatti con materiali di riciclo e dolciumi.

È diffusa ancora oggi in Sicilia, in alcuni paesi dell’entroterra italiano e nei paesi nordici del mondo. Quando andai un’estate in Norvegia, durante gli anni del liceo, alcuni ragazzi norvegesi mi raccontavano che anche loro, come in Sicilia, festeggiano Santa Lucia. Più o meno con le stesse modalità: mi pare, se non erro, che i biscotti che sono soliti preparare siano un pò più speziati dei nostri. Inoltre le ragazze si vestono di Santa Lucia e portano, di casa in casa, a vicino e amici, questi biscotti appunto e panini allo zafferano. Portavano luce.

Tutto il mondo è paese è un detto davvero veritiero. Voi conoscevate o addirittura siete soliti festeggiare Santa Lucia? Se si e se vi va, condividiamo le diverse sfaccettature di questa tradizione

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi